#iostoconriccardo

Articoli con tag ‘amministrazione comunale’

LEGGE DI BILANCIO 2019 – Lettera aperta ai binaschini

70.000€ dalla Lega e 70.000€ dal M5S?

Facciamo un po’ di chiarezza.

il governo ha assegnato ai comuni italiani (a pioggia, quindi a tutti) una cifra, calcolata sulla base degli abitanti, da destinare alla messa in sicurezza delle scuole, strade, edifici pubblici o patrimonio comunale.
A scanso di equivoci, a Binasco sono destinati 70.000€. Anche se prima la Lega e poi il M5S hanno pubblicizzato l’arrivo dei 70.000€, attribuendosene il merito, teniamo a precisare che sempre degli stessi 70.000€ si tratta.
Per quanto tutti i finanziamenti in arrivo agli enti locali siano benvenuti, perché le risorse a disposizione non sono mai sufficienti per rispondere a tutte le esigenze, soprattutto dal punto di vista della manutenzione del territorio, questa operazione del governo gialloverde non è nulla di eccezionale od eclatante. Dal precedente governo avevamo ricevuto 120.000€, se la Lega ed il M5S volessero aggiungere 50.000€ raggiungerebbero la somma del governo Gentiloni.
In merito alla buona gestione dei fondi, vogliamo tranquillizzare l’opposizione: l’amministrazione comunale capeggiata dal nostro sindaco Riccardo Benvegnù, è perfettamente in grado di sfruttare al meglio tutte le risorse economiche che arrivano a Binasco.
I precedenti 120.000€ furono utilizzati per lavori di manutenzione ai plessi scolastici. Questi 70.000€, serviranno per ulteriori servizi di manutenzione alla scuola media E. Fermi.
Non è nostra consuetudine ribattere agli editti da campagna elettorale dell’opposizione, ma reputiamo che questo caso specifico meritasse un chiarimento nel rispetto dei nostri concittadini.
La trasparenza e l’onestà sono il biglietto da visita degli amministratori in carica, noi crediamo che il vero cambiamento parta dalla consapevolezza sociale e dalla buona gestione amministrativa.

Binasco Più vi ringrazia per l’attenzione.

Annunci

Assemblea Soci Binasco PIU’

AssembleaBpiu-22marzo19
Venerdi 22 marzo 2019
Centro Civico Binasco
ore 19:30
Assemblea Ordinaria
riservata ai soci Binasco Più
ore 20:30
Aperitivo per rinnovo o iscrizione all’Associazione
L’aperitivo è aperto a tutti
e sarà un’occasione per scambiare quattro chiacchere con gli amministratori

8 marzo 2019

 

8marzo19

Nella giornata dedicata alla FESTA della DONNA, vogliamo ricordare tutte le donne che ogni anno in Italia e nel mondo, sono vittime di violenza, perpetrata nella maggioranza dei casi da uomini a loro vicini.
La violenza non fa distinzione di razza, cultura, religione ed appartenenza sociale.
L’8 marzo, facciamo fiorire una cultura che insegni il rispetto per le identità e le differenze e crei una società migliore per le generazioni future.

 

 

 

 

 

Eventi Festa della Donna 2019

eventi8marzo19

sabato 9 marzo
dalle 19
Aula Consiliare – Binasco
Aperitivo Adotta
a cura di Adottiamo una famiglia
offerto da Sodexo

dalle 20.30
Aula Consiliare – Binasco
L’altra metà della pera
Spettacolo comico e d’improvvisazione
di e con Alice Bossi e Brunella Mastellone

venerdì 15 marzo
dalle 18.30
Caffè Cavour – Binasco
Aperitivo letterario
discussione su Ipazia d’Alessandria
tratto da Il catalogo delle donne valorose
di Serena Dandini

sabato 16 marzo
alle 17.30
Aula Consiliare – Binasco
A due voci
Presentazione del romanzo di Annalisa Martino

 

 

 

Impegno civico

da La Provincia Pavese

l’articolo sul sito web del quotidiano

Osservatori civici, boom di iscrizioni, cominciano i corsi di formazione

Giovanni Scarpa
22 febbraio 2019

Contro furti e vandalismi è boom di adesioni agli osservatori civici.
All’iniziativa, presentata dal Comune a novembre, hanno già dato il proprio assenso 25 cittadini. E l’altra sera c’è stato il primo incontro di formazione, tenuto dal comandante della polizia locale Alessandro Ghizzardi.

il progetto
Il sindaco Riccardo Benvegnù spiega di cosa si tratta. «Sgombriamo il campo dai dubbi – sottolinea –. Non stiamo parlando di ronde e risulti ben chiaro che la repressione dei reati e la sicurezza spettano esclusivamente alle forze dell’ordine. Detto questo, le amministrazioni possono agire su alcuni fronti, come il potenziamento della polizia locale, che a Binasco è stato fatto con l’ingresso nei “Fontanili” (l’ente che raggruppa gli agenti di diversi comuni, ndr) e la promozione di forme di controllo del territorio da parte dei cittadini, in stretta collaborazione con le forze dell’ordine». Gli osservatori civici vanno inquadrati in questa seconda ipotesi e sono diversi anche dai controlli di vicinato.

la formazione
«Prima di tutto chi aderisce farà corsi di formazione – precisa Benvegnù –. Nel senso che gli agenti della polizia locale spiegheranno le dinamiche che è necessario riconoscere per giudicare una situazione a rischio, oppure no». Insomma, quello che si potrebbe definire come “occhio clinico”, cioè la capacità di valutazione “professionale” dell’evento a cui si assiste. In più ogni osservatore avrà un codice con cui identificarsi durante la segnalazione, in modo che l’operatore sappia di trovarsi davanti ad una chiamata non casuale. Nessun turno o squadre in campo. Semplicemente chi aderisce chiamerà col cellulare per segnalare comportamenti sospetti o casi anomali.

=====

l’articolo sul sito web del quotidiano

Benemerenze civiche anche agli stranieri

Gianluca Stroppa
20 Febbraio 2019

BINASCO. Due benemerenze civiche in più e rosa dei premiati più larga. Queste le novità approvate dal consiglio comunale, con il voto contrario della minoranza di “Binasco sei tu”, sull’attribuzione del massimo riconoscimento cittadino. «Andiamo a revisionare il regolamento – ha affermato il sindaco Riccardo Benvegnù– introducendo modifiche per ampliare la possibilità di attribuzione delle benemerenze a cittadini italiani e stranieri, residenti e non residenti, purché abbiano un legame con il territorio e abbiano contribuito a elevare il prestigio della comunità. Viene estesa la possibilità di assegnazione anche a enti, associazioni, società, istituzioni e potranno esserci riconoscimenti alla memoria. Il numero delle benemerenze attribuibili passa da tre a cinque».

Proprio sull’aumento dei riconoscimenti, Mario Vecchi di “Binasco sei tu” decide di mostrare pollice verso: «La benemerenza ha un valore che va reso significativo per cui andrebbero mantenute solo tre attribuzioni». L’altro gruppo di opposizione, “Progetto Binasco”, con Mattia Andreosso, ha invece dato via libera.

 

Lavori Pubblici e Innovazioni

da La Provincia Pavese

l’articolo sul sito web del quotidiano

Interventi ai lampioni in piazza e nel parco

23 Febbraio 2019

BINASCO. Dopo l’assegnazione, poco più di un anno fa, del servizio di pubblica illuminazione alla società Engie di Roma (concessione ventennale) prenderanno il via alcuni lavori previsti dal capitolato d’appalto e totalmente a spese della concessionaria.

Al momento, sono stati approvati i progetti che prevedono il miglioramento dell’illuminazione in piazza 25 Aprile e nell’area del parco di via S. Maria oltre alla fornitura e installazione di un tabellone informativo. È invece stata stralciata la predisposizione di un allacciamento elettrico a servizio del mercato, perchè il progetto va prima sottoposto all’associazione dei commercianti. Stralciata anche una soluzione tecnica migliorativa al castello visconteo poiché l’intervento va prima portato all’attenzione della Soprintendenza.

=====

l’articolo sul sito web del quotidiano

Obiettivo trasparenza le sedute di Consiglio visibili in streaming

Gianluca Stroppa
21 Febbraio 2019

BINASCO. L’obiettivo è quello di fare del consiglio comunale (ma anche delle commissioni consiliari) una “casa di vetro”. Per incrementare al massimo possibile la trasparenza degli atti e le percorso di ogni scelta amministrativa, il consiglio comunale ha approvato alcune novità in relazione al regolamento dell’aula e a quello che disciplina il funzionamento delle commissioni.

«Il regolamento del consiglio- ha sottolineato la vicesindaca Daniela Fabbri– viene rivisto per essere adeguato al quadro normativo attuale. Viene introdotta l’opportunità di trasmettere le sedute in streaming con la possibilità di disporre poi del file audio nel sito istituzionale. Altra novità, la discussione di interpellanze ed interrogazioni avverrà all’inizio della seduta».

La trasmissione via streaming sarà effettuata dall’amministrazione e non da privati e per questo ci sarà la possibilità di interrompere la registrazione nel momento in cui verranno trattati argomenti coperti da profili di privacy. La normativa è stata emendata con tre accorgimenti, tutti accolti favorevolmente, presentati dalla lista “Progetto Binasco”.

«Il regolamento nel complesso è ben articolato- ha affermato Mattia Andreosso– ma propongo di integrarlo con la previsione che la risposta ad interpellanze ed interrogazioni sia poi trasmessa anche in forma scritta al richiedente, con la riduzione da 10 a 6 giorni per la presentazione degli stessi atti ed infine con l’inserimento della mozione per motivi d’urgenza».
Per ciò che concerne invece le commissioni (a Binasco sono quattro: “Affari generali istituzionali”, “Territorio”, “Bilancio – Programmazione e Sviluppo Economico” e “Servizi socio – educativi, Sport e Tempo Libero”) è previsto che, qualora un consigliere non possa presenziare ad una seduta, per facilitare il funzionamento della Commissione, si possa designare un altro rappresentante. Le sedute, anche in questo caso, verranno registrate e ci sarà la possibilità, come per il consiglio comunale, di interrompere la registrazione per motivi di privacy. Il regolamento delle commissioni è stato emendato con una proposta di Mario Vecchi della lista “Binasco sei tu” per il ripristino delle commissioni in materia di indagini conoscitive e di quelle speciali o di inchiesta.

Servizi

da La Provincia Pavese

l’articolo sul sito web del quotidiano

Stabiliti costi dei servizi, gli utenti pagano il 61%

Paolo Fizzarotti
18 FEBBRAIO 2019

BINASCO. Nel 2019 a Binasco si spenderanno 163.750 euro per i servizi. La quota pagata dagli utenti ammonta a 100.800 euro, pari al 61,56%. Per l’assistenza sociale, che comprende le spese del nido (le rette non vengono conteggiate in quanto servizio dato in concessione) e i pasti a domicilio degli anziani (anche in questo caso la riscossione dei pasti è introitata dalla concessionaria) sono previste uscite per 13mila euro ed entrate per 6mila euro.

Poi c’è il settore “Cultura, istruzione e spettacolo” che riguarda i corsi della biblioteca (zero entrate e 1.150 euro di spese), i corsi extrascolastici di insegnamento (30mila euro in entrata e 36mila in uscita), le mense, calcolando che il buono non è incassato dal Comune (zero entrate e 60mila euro di spesa), visite guidate (3.800 euro in entrata e 6.100 euro in uscita) e i centri estivi (zero entrate con le rette versate al concessionario e 15mila euro in uscita). Terza area è quella dell’illuminazione votiva con un’uscita di 4mila euro ed entrate per 45mila euro e, per finire, l’uso degli impianti sportivi con entrate per 16mila euro a fronte di spese per 28.500 euro.

=====

l’articolo sul sito web del quotidiano

Accordo rinnovato tra comune e Croce

17 Febbraio 2019

Comune e Croce Bianca hanno rinnovato l’accordo in convenzione per il trasporto di cittadini anziani e disabili presso centri ospedalieri, ambulatori, presidi di assistenza e riabilitazione di Milano, Pavia e provincia. L’intesa, rinnovata alle medesime condizioni dell’anno precedente, si estende allo stazionamento di un’ambulanza in occasione delle manifestazioni sportive. Per adempiere a tutti gli aspetti organizzativi e gestionali del servizio di trasporto al sodalizio sono riconosciuti 13.000 euro annui

Agevolazioni Servizi Scolastici

stemma-comune-binascoCon una delibera approvata nei giorni scorsi, l’Amministrazione Comunale ha per la prima volta introdotto agevolazioni a favore delle famiglie con bambini che utilizzano i servizi scolastici (pre e post scuola, scuolabus).
In particolare è stato previsto un abbattimento del 50% delle tariffe per i nuclei monoparentali, una riduzione del 25% per il secondo figlio iscritto e del 50% a partire dal terzo.
Le riduzioni per questi servizi sono già in vigore per la seconda parte di questo anno scolastico.
A partire dall’anno scolastico 2019/2020 scatteranno agevolazioni anche sul servizio mensa: per il secondo figlio si pagherà il costo della fascia immediatamente inferiore a quella prevista dall’Isee familiare, dal terzo figlio si scenderà di un’ulteriore fascia. Il limite per usufruire di queste agevolazioni è l’Isee a 21mila euro.
Si tratta di un primo passo, che accoglie le sollecitazioni dei genitori in questo senso e che, insieme all’adesione da parte del nostro Comune alla misura “Nidi Gratis”, speriamo possa facilitare la scelta, molto complessa di questi tempi, di essere genitori oggi.

Tag Cloud